Lo spirito di Assisi

Dialogo Interreligioso

25 settembre 2017

La Spagna pensa a come controllare i suoi imam

Le istituzioni musulmane stimano che in Spagna siano presenti oggi 1.200 imam. Dopo settimane dedicate a parlarne, in seguito ai tragici attentati di Barcellona, il messaggio finale trasmesso alla società è che nessuno li controlla realmente. E nessuno – né dentro né fuori la comunità islamica – sembra avere la responsabilità della loro scelta e del loro operato nei centri di culto, fatto doppiamente preoccupante se si considera che la Spagna possiede una legislazione d’avanguardia, modificata per aumentare la sicurezza dopo l’esperienza degli attentati di Madrid del 2004.

leggi la notizia
22 settembre 2017

Il reset delle Nazioni Unite in Libia

Dalla stampa italiana Un naufragio di migranti al largo della Libia con oltre cento dispersi è stato segnalato dalla Marina libica sulla base di testimonianze di sopravvissuti. Il portavoce della Marina Libica, l’ammiraglio Ayob Amr Ghasem, contattato dall’Ansa ha detto che “oltre cento migranti sono dati per dispersi” per l’affondamento di un barcone davanti alla costa ovest del Paese (Avvenire). “In pubblico gli egiziani promettono chiarezza sul caso Regeni, ma in privato fanno muro. Anche quando ne parlano con Paesi vicini, come l’Arabia Saudita”, scrive Paolo Mastrolilli su La Stampa.

leggi la notizia
21 settembre 2017

Rouhani punta sul sostegno dei Paesi europei per rispondere a Trump

Dalla stampa italiana Il presidente iraniano Hassan Rouhani punta sul sostegno dei Paesi europei per rispondere alle minacce del presidente americano Donald Trump di uscire dall’accordo sul nucleare: “anche gli alleati degli Stati Uniti non avranno coraggio a sostenere l’America su questa scelta, perché sono consapevoli che rompere l’accordo è indifendibile” (La Stampa). A Bassora, nel sud dell’Iraq, una statua della Madonna è stata rimossa il giorno prima della sua inaugurazione, su richiesta dell’episcopato caldeo, timoroso che la sua presenza provocasse tensione fra le diverse comunità religiose (AsiaNews).

leggi la notizia
21 settembre 2017

La maglia rosa in Israele: perché?

Il Giro d’Italia è una cosa bella, bellissima. Lo è per me e per tanti ciclofili e ciclomani cresciuti a pane e bicicletta, fedeli ogni anno all’appuntamento con la maglia rosa sul ciglio di qualche strada di pianura o di montagna della penisola. Gino Bartali è stato un grande campione, di sport e di solidarietà, rischiava di persona per mettere in salvo gli ebrei, mentre l’Italia era occupata dai nazisti, con i documenti falsi che portava a destinazione nascondendoli nel tubo della sua bicicletta.

leggi la notizia
20 settembre 2017

Trump all'Onu e le cupe nubi del negoziato con l'Iran

Dalla stampa italiana Trump all’Onu e le cupe nubi del negoziato con l’Iran. Nicola Pedde commenta su Huffington Post il discorso di Donald Trump alle Nazioni Unite. Si tratta, scrive, di “un passo in più verso l’incomunicabilità che potrebbe presto determinare un’evoluzione negativa della crisi con Tehran”. L’alleanza Gran Bretagna, Francia e Italia contro il terrorismo passa da Internet. Gentiloni, May e Macron sono i firmatari di un documento sulla lotta al cyberterrorismo redatto a margine dell’Assemblea generale delle Nazioni Unite (Repubblica). Nigeria.

leggi la notizia
19 settembre 2017

Si avvicina il 25 settembre, data stabilita per il referendum sull'indipendenza in Kurdistan

Dalla stampa italiana Si avvicina il 25 settembre, data stabilita per il referendum sull’indipendenza in Kurdistan. Giordano Stabile su La Stampa descrive le posizioni di vari attori interessati: “La Corte suprema federale irachena ha ordinato in modo formale al Kurdistan di sospendere il voto”, ma anche Washington, Bruxelles e l’Onu hanno chiesto al governo regionale presieduto da Masoud Barzani di fermarsi. Contrari anche Iran e Turchia, mentre è favorevole al referendum Israele.

leggi la notizia
18 settembre 2017

Chi sono i “rohingya”?

Salai Maung John è un laico del Myanmar, con studi nelle Filippine, primo birmano a ottenere un dottorato in teologia. Dirige un’associazione cattolica umanitaria e ha scritto su Concilium ( n. 3/2017) un interessante e documentato articolo sui rohingya musulmani del Myanmar. Il partito di Suu Kyi, Nobel per la pace, diplomatica di spicco, primo ministro eletto e, attualmente, consigliere di Stato della Repubblica del Myanmar, non ha accettato di candidare un solo musulmano nelle recenti elezioni.

leggi la notizia
18 settembre 2017

In Libia, lo Stato Islamico cerca un revival

Dalla stampa italiana “Gli scafisti italiani sono una garanzia. ‘Con loro non rischi di affondare in mezzo al mare’”: questo l’attacco di un articolo di Fabio Tonacci che su Repubblica mostra, grazie alla testimonianza di un migrante, le rotte “sicure” che dalla Tunisia portano all’Italia. Dalle coste libiche, intanto, sono ripartiti numerosi barconi affollati di migranti. Secondo quanto riporta La Stampa si tratta della “reazione non ufficiale” del Consiglio militare di Sabratha alla decisione italiana di invitare a Roma il generale Haftar.

leggi la notizia
15 settembre 2017

Conversazione EsterE

“Conversazioni Estere” è un ciclo di incontri organizzato dal Corriere della Sera in collaborazione con Fondazione Oasis, Il Foglio, Radio Popolare e Rivista Studio. Dietro gli eventi, che porteranno fino al premio Cutuli a novembre, c’è un gruppo di giornaliste che ha ideato un viaggio in giro per il mondo, assieme a diversi ospiti internazionali: a ogni tappa si percorreranno idealmente i chilometri tra due capitali per spiegare che cosa accade in quella parte del globo.

leggi la notizia
15 settembre 2017

I migranti che ripartono da Tripoli e quelli che spariscono

Dalla stampa italiana Avvenire intervista Sardar Mushtaq Gill, difensore per anni di Asia Bibi, costretto alla fuga all’estero all’inizio del 2017 per via del suo impegno contro la legge sulla blasfemia: “Il sistema legale pachistano è limitato, debole e influenzato da un numero di fattori. In questa situazione, la sopravvivenza dei cristiani in Pakistan è a rischio, giorno dopo giorno”. I simboli dell’indipendenza del Kurdistan: secondo quanto rivela La Stampa, “si chiamerà ‘draw’ la moneta del Kurdistan indipendente.

leggi la notizia