Lo spirito di Assisi

Dialogo Interreligioso

29 maggio 2017

Filippine: cristiani minacciati in mezzo alla battaglia tra islamisti e forze dell'ordine

Dalla stampa italiana Un reportage di Francesco Battistini sul Corriere della Sera mostra la situazione nelle “prigioni” dei migranti a Tripoli, Libia. Battistini ha parlato anche con gli uomini della guardia costiera libica che si sono soffermati su come cercano di bloccare le partenze e sulla polemica legata al ruolo delle ONG, e con un trafficante nigeriano: “agli africani più ignoranti diciamo che il Mediterraneo è un grande fiume, così non hanno paura ad imbarcarsi”. La fotografia utilizzata come arma contro il terrorismo.

leggi la notizia
27 maggio 2017

Da noi il “kirpan” è proibito

In una società multietnica, la convivenza tra soggetti di etnia diversa richiede necessariamente l’identificazione di un nucleo comune in cui immigrati e società di accoglienza si debbono riconoscere. Se l’integrazione non impone l’abbandono della cultura di origine, in consonanza con la previsione dell’articolo 2 della Costituzione che valorizza il pluralismo sociale, il limite invalicabile è costituito dal rispetto dei diritti umani e della civiltà giuridica della società ospitante.

leggi la notizia
26 maggio 2017

Il Ramadan, mese sacro dei musulmani, avrà inizio domani

Dalla stampa italiana Repubblica diffonde il docufilm di Carlo Bonini e Giuliano Foschini – realizzato in collaborazione con 42° Parallelo – in cui si ricostruiscono i nove giorni trascorsi dalla scomparsa di Giulio Regeni al ritrovamento del suo corpo alla periferia del Cairo. Giampiero Gramaglia sull’Huffington Post commenta lo svolgersi di un G7 a Taormina che non ritiene possa portare grandi svolte. L’attentato di Manchester, però, ha inasprito “le dichiarazioni anti-terrorismo della Nato e del G7 […] rinnovando la consapevolezza di avere un nemico comune, il fanatismo integralista.

leggi la notizia
24 maggio 2017

L'attentatore di Manchester non era un lupo solitario

Dalla stampa italiana Davide Lessi su La Stampa traccia un identikit dell’attentatore di Manchester: nato nel 1994 in Gran Bretagna ma figlio di profughi. I suoi genitori scapparono dal regime di Gheddafi. A Manchester la comunità libica conta oltre 16 mila persone. Per questo attentato, si legge, l’ipotesi del lupo solitario non regge. Daniele Raineri su Il Foglio analizza l’attentato di Manchester e le piste che sta seguendo l’antiterrorismo britannico: “Abedi potrebbe essere il volontario suicida di una rete che prepara altro, come minaccia il gruppo nel comunicato”.

leggi la notizia
23 maggio 2017

Manchester: attacco terroristico al concerto dei teenager

Dalla stampa italiana Un ordigno è esploso nel foyer della Manchester Arena al termine del concerto di Ariana Grande. Almeno 22 persone sono morte e 59 ferite. In mattinata la polizia ha confermato che si è trattato di un attentatore suicida. Cosa si sa finora dell’attentato su Il Foglio. Nonostante non sia confermata la pista del terrorismo di matrice jihadista, Gianluca Di Feo su Repubblica sottolinea come Manchester “è sempre stata una delle piazze di reclutamento jihadista”.

leggi la notizia
22 maggio 2017

Trump sposa la visione saudita per il Medio Oriente

Dalla stampa italiana “Non sono venuto qui a darvi lezioni, non sono io a dirvi come dovete vivere. Ma occorre una coalizione internazionale contro il terrorismo. Le nazioni del Medio Oriente non possono aspettare che sia l’America a sconfiggerlo. Dovete battere voi questo nemico che uccide in nome della fede”, ha detto Donald Trump durante la visita in Arabia Saudita. Federico Rampini su Repubblica riassume i principali passaggi dei discorsi tenuti dal presidente americano.

leggi la notizia
19 maggio 2017

Pressing sui Paesi africani per bloccare la rotta del Sud

Dalla stampa italianaPressing sui Paesi africani per bloccare la rotta del SudVertice con i ministri di Libia, Ciad e Niger: “Ma l’Ue faccia la sua parte”. Minniti firma l’accordo con 80 sindaci del Milanese: “È un modello da esportare” (La Stampa) Affari, politica e Islam, in Arabia Saudita attesa per la visita di Trump. Il presidente americano arriva nel pomeriggio con la sua famiglia. Riad spera di riguadagnare il ruolo di interlocutore privilegiato nella regione, che Obama aveva messo in crisi con l’accordo sul nucleare con l’Iran.

leggi la notizia
18 maggio 2017

Tra riformisti e populisti, che cosa significa il voto in Iran

Il voto di venerdì in Iran è un referendum sul mandato del presidente Hassan Rouhani e una prova per la crescente ondata populista nel Paese. Dal 1981 a oggi, ogni presidente iraniano è stato rieletto per il secondo mandato, anche se la riconferma di Mahmoud Ahmadinejad nel 2009 è stata contestata e ha dato il via alle proteste dell’“Onda Verde”: quelle manifestazioni in cui la popolazione chiedeva una svolta moderata. Tant’è che, nel 2013, la vittoria di Rouhani è stata interpretata come un’inversione di tendenza e un’affermazione del fronte riformista.

leggi la notizia
18 maggio 2017

Iran: che cosa significano le elezioni di domani per la regione

Dalla stampa italiana L’alleanza fra moderati e riformisti. “Rohani ha aperto l’Iran al mondo”. Ultimo comizio del presidente a caccia dei voti dell’Onda Verde, ne scrive Claudio Gallo per La Stampa da Theran. I giochi mediorientali del triangolo Trump-Erdogan-Putin, un’analisi di Alberto Negri sul Sole 24 Ore fa il punto sulle intese tra Russia, Stati Uniti e Turchia sul dossier siriano. Quindi sembra che Trump abbia bruciato una fonte di Israele. Le informazioni riservate che ha dato alla Russia riguarderebbero una spia infiltrata nello Stato Islamico: con quali conseguenze?

leggi la notizia
17 maggio 2017

In Arabia Saudita, Trump terrà un discorso sull'Islam

Dalla stampa italiana La rotta dei disperati. Fra i migranti del Niger che sognano il biglietto per l’Italia. Il reportage di Vincenzo Nigro su Repubblica dal Paese africano tappa obbligata per chi vuole arrivare in Europa dalla Libia, tra torture e minacce dei trafficanti. Preghiera all’alba, zero criminalità: così vivono i Sikh in Italia, racconta il Corriere della Sera dopo la sentenza della Cassazione. La dieta vegana, il culto, le tradizioni. Usanze e simboli dei 150mila fedeli della religione nata in India che oggi vivono nel nostro Paese.

leggi la notizia