Lo spirito di Assisi

Dialogo Interreligioso

31 dicembre 2017

Preghiera delle madri

La canzone Prayer of the Mothers è nata a seguito di un’alleanza tra la cantautrice Yael Deckelbaum e un gruppo di donne coraggiose che guidano il movimento di Women Wage Peace. Il movimento è sorto nell’estate 2014 durante l’escalation di violenze tra israeliani e palestinesi e l’operazione militare «Tzuk Eitan». Il 4 ottobre 2016 le donne ebree e arabe hanno iniziato con il progetto congiunto «March of  Hope». Migliaia di donne hanno marciato dal Nord di Israele a Gerusalemme in un appello per la pace.

leggi la notizia
21 dicembre 2017

Buddhismo e cristianesimo

François Ponchaud, missionario francese in Cambogia, è uno dei massimi esperti della lingua e cultura khmer. Le EDB, a cura di Francesco Strazzari, hanno pubblicato: Buddha e Cristo le due salvezze (2005) Caro Francesco, eccezionalmente ti scrivo da Parigi questa lettera di fine anno con i miei auguri per il 2018. Ho subìto un intervento per il distacco della retina. Questo spiega il mio silenzio di questi mesi. Penso di ritornare in Cambogia il 5 gennaio.

leggi la notizia
18 dicembre 2017

Ebrei e protestanti di Francia

Il protestantesimo francese si è sempre sentito “prossimo” al giudaismo nella Repubblica e il suo massimo esponente negli anni dell’occupazione nazista, il pastore Marc Boegner, ha duramente contestato l’ideologia razzista nel 1939, denunciando i rastrellamenti antiebraici nel 1942. La memoria dei 500 anni della Riforma ha tuttavia suggerito una ripresa di attenzione alle posizioni anti-ebraiche di M. Lutero e una riaffermazione di vicinanza, assai apprezzata dal versante ebraico.

leggi la notizia
11 dicembre 2017

L’Europa si islamizza?

In questi ultimi anni l’Europa ha conosciuto un afflusso record di richiedenti asilo in fuga dai conflitti in Siria e in altri paesi a maggioranza musulmana. Questa ondata di migranti musulmani ha suscitato, in numerosi paesi, dibattiti sull’immigrazione e sulle politiche di sicurezza e interrogativi circa il numero attuale e futuro dei musulmani in Europa. Per comprendere come la quantità della popolazione musulmana potrebbe evolvere nei decenni a venire, il Pew Research Center ha elaborato tre scenari che variano a seconda dei livelli di migrazione futuri.

leggi la notizia
23 novembre 2017

Arabia Saudita: la svolta

Il principe ereditario Mouhammad Bin Salam, conosciuto come MBS, è proprio deciso a rinnovare il suo paese, l’Arabia Saudita, superficie 2.149.690 kmq, popolazione 31.015.999 abitanti (stima 2015). Non gli mancano certamente iniziative e coraggio. Potrebbe sembrare una cosa di poco conto, ma aver concesso alle donne, a partire dal giugno 2018, di guidare la macchina – cosa finora impensabile – è un segno di apertura verso altri orizzonti. Anche se la donna che guida deve avere almeno 40 anni, quindi rimangono escluse le giovani.

leggi la notizia
18 novembre 2017

Tarik Ramadan: il caso e gli interrogativi

L’accusa di abusi sessuali contro Tarik Ramadan, islamologo e punto di riferimento dell’«islam europeo-occidentale» da parte di alcune donne (Francia, Belgio, Svizzera) incrocia l’onda lunga dello scandalo che ha coinvolto il produttore cinematografico Harvey Weinstein e il mondo dello spettacolo americano, della politica inglese e di vari ambienti francesi, italiani e svedesi. Tocca anche gli scandali che da anni attraversano figure religiose, dal clero cattolico ai monaci asiatici. E impatta sul delicato contesto dell’islam in Europa e in Occidente.

leggi la notizia
17 novembre 2017

“I giorni del mondo” di rav Laras

«Bisogna, e l’ho ribadito molte volte, amare Israele con un amore aperto a tutto e a tutti. Bisogna amare la cultura ebraica di oggi, la loro musica, la loro letteratura, la loro storia, il loro modo di pregare, il loro modo di fare festa. Solo un amore così permette il superamento dei timori e delle difficoltà e dà al dialogo quella gioia e quell’umanità che si addice all’incontro tra amici». Non fu solo per un ovvio omaggio al card.

leggi la notizia
10 novembre 2017

La battaglia navale tra le Ong e i libici

Dalla stampa italiana La Repubblica racconta l’ultimo episodio della tragica battaglia navale tra le Ong e i libici che si perpetra nel Mediterraneo. Alberto Stabile (Repubblica) si trova tra le rovine di Aleppo, la città siriana martoriata dalla guerra civile. I sauditi alzano il livello di scontro per colpire Hezbollah mentre Beirut li accusa di tenere prigioniero il premier. I Paesi del Golfo chiedono ai propri cittadini di rientrare (La Stampa). Cosa è successo il 4 ottobre in Niger?

leggi la notizia
9 novembre 2017

Ritorno a Mosul

Dalla stampa italiana Avvenire riporta i dati sull’immigrazione contenuti nell’ultimo rapporto della Direzione Generale dell’immigrazione e delle politiche dell’integrazione del Ministero del lavoro: nel 2017 sono in calo gli sbarchi, ma aumentano gli arrivi di minori soli non accompagnati. Il fotografo Chris McGrath è andato Mosul per vedere come se la cavano gli abitanti della città dopo la battaglia che ha portato alla cacciata di Isis.

leggi la notizia
8 novembre 2017

Quando Dio perde i suoi nomi

Quasi ogni tradizione religiosa coltiva con devozione e rispetto i nomi (o le attribuzioni) del proprio Dio, ben sapendo che qui il linguaggio si muove nell’intimo stesso del mistero divino. L’abuso del nome è custodito da precetti e regole che ne custodiscono non solo la santità, ma anche le forme del suo utilizzo nella parola (talvolta anche se questa rimane semplicemente silenziosa nel pensiero).

leggi la notizia