Lo spirito di Assisi

Dialogo Interreligioso

6 settembre 2018

L’islam in Europa, minaccia o opportunità?

C’è il rischio che nel giro di due e o tre generazioni la Germania e l’Europa si islamizzino? È quanto ipotizza Thilo Sarrazin, nel suo nuovo libro Feindliche Übernahme (Conquista ostile). Presentato nei giorni scorsi a Berlino – come riferisce l’agenzia KNA del 3 settembre –, il libro ha suscitato una vivace discussione ed è stato contestato dal partito SPD, di cui Sarrazin fa parte. Egli tuttavia ha difeso le sue tesi ribadendo i rischi a cui la Germania e l’Europa sono esposte.

leggi la notizia
3 settembre 2018

Nuova laicità e inclusione dei poveri

Dall’incontro del presidente della Repubblica francese, Emmanuel Macron, con i vescovi del paese (9 aprile 2018) è emersa una nuova declinazione della laicità, di “confrontazione” o aperta: il superamento di una laicità intesa come religione di stato che costringe le fedi e le confessioni al puro “privato” (http://www.settimananews.it/religioni/macron-ridefinire-la-laicita/). La qualità dell’evento e dell’indirizzo ha suggerito alla segreteria generale della conferenza episcopale di pubblicare l’insieme delle testimonianze e dei discorsi.

leggi la notizia
27 agosto 2018

L’India a un bivio

Nel 2008, nello Stato indiano dell’Orissa, i cristiani subirono una grave persecuzione da parte di gruppi religiosi ostili. Perché i fatti non cadessero nell’oblio, p. Ajaya Kumar Singh, prete dell’Orissa, ha dato vita ad un sito web per raccontare il calvario dei sopravvissuti. Lo ha intervistato Claudia Zeisel per conto dell’agenzia weltkirche.katholisch.de – Reverendo Singh, in questi giorni ricorre il decimo anniversario delle violenze anticristiane nello Stato federale indiano dell’Orissa (Odisha). La violenza contro i cristiani negli ultimi quattro anni si è triplicata.

leggi la notizia
24 agosto 2018

Una chiesa in Arabia Saudita? No

Le aperture del principe “riformatore” Muhammad bin Salman non potranno spingersi fino ad approvare la costruzione di una chiesa cristiana nel Regno che ospita i luoghi più sacri dell’islam. The Economist (ripreso da SettimanaNews) riportava principalmente due elementi a sostegno delle aspettative di un affondo del principe “riformatore” a favore delle comunità cristiane. Muhammad bin Salman Elementi non sufficienti 1) La testimonianza archeologica (reperti e documenti) della presenza antica di una comunità cristiana sul suolo “sacro” del Regno.

leggi la notizia
24 agosto 2018

C’è libertà religiosa in Turchia?

Ha suscitato una certa meraviglia e numerosi interrogativi il fatto che il 31 luglio scorso 18 capi spirituali e religiosi della Turchia abbiano reso pubblica una Dichiarazione in cui si afferma che in Turchia essi possono praticare liberamente la loro religione. «Come rappresentanti religiosi e leader di antiche comunità di varie religioni e fedi – scrivono – radicati in questa terra da secoli, siamo liberi nell’esercizio della nostra religione e delle nostre tradizioni, e le affermazioni che siamo oppressi sono del tutto false».

leggi la notizia
21 agosto 2018

Una chiesa in Arabia Saudita?

Se le notizie sono vere, in Arabia Saudita potrebbe arrivare il giorno in cui sarà possibile costruire delle chiese cristiane, cosa finora rigorosamente proibita. Lo lascia supporre il settimanale inglese The Economist in un breve articolo del 2 agosto scorso, scritto da Jubail, intitolato significativamente Hosannahs in the sand? Saudi Arabia may relax its ban on Christian churches (Osanna nella sabbia? L’Arabia Saudita potrebbe allentare il divieto delle chiese cristiane). Nuove prove sostengono che il profeta ha tollerato chiese in Arabia.

leggi la notizia
15 agosto 2018

India: Modi denuncia i linciaggi contro le minoranze

Il primo ministro indiano Narendra Modi ha condannato gli atti di violenza commessi contro le minoranze nel paese, anche non sono mancate le critiche per l’intervento tardivo. In un’intervista a Times of India, Modi ha detto che i governi statali dovrebbero prendere provvedimenti per controllare la violenza di massa e proteggere i cittadini innocenti, di qualsiasi appartenenza.

leggi la notizia
10 agosto 2018

The leading role of the Party on religions

Francesco Sisci is a leading Sinologist, author, and China expert currently working as a Professor at China’s Renmin University in Beijing. The interview, by Matteo Damiani, has been published on China Today and translated by prof. Gregor Benton. – On April 23, President Xi Jinping made an important speech on religion. What has changed in comparison with the past? Xi Jinping has introduced a new method, at least at the theoretical level, by which to modulate relations between party and religion.

leggi la notizia
8 agosto 2018

P. Samir: Condizioni per un dialogo islamo-cristiano

Un simposio, atto accademico in onore di p. Samir Khalil Samir sj, intitolato “Patrimonio arabo cristiano e dialogo islamo-cristiano” (Pontificio Istituto Orientale, Roma 25 maggio 2018), è diventato l’occasione per festeggiare l’80° compleanno del religioso egiziano concentrandosi sugli argomenti più cari all’islamologo di fama mondiale.[i] Padre Samir ha così dato testimonianza dei passi iniziali del suo cammino: «Sono nato al Cairo, ma da una famiglia del Levante. Mia madre aveva studiato dalle suore francesi dove era vietato parlare arabo; altrimenti c’era la bacchetta, la mentalità era quella!

leggi la notizia
2 agosto 2018

Benedetto XVI sul rapporto cristiani-ebrei

Benedetto XVI in visita alla Sinagoga di Roma (17 gennaio 2010) In questi ultimi giorni si è sviluppata una discussione sul rapporto tra la religione cattolica e quella ebraica in seguito alla pubblicazione sulla rivista Communio (4, 2018) di una riflessione di Benedetto XVI intitolata Anmerkungen zum Traktat «De Judeis» (Annotazioni sul trattato «De Judeis»). Era uno studio inizialmente non destinato al pubblico. Se ciò è avvenuto, è stato per l’insistenza del card.

leggi la notizia