Lo spirito di Assisi

Dialogo Interreligioso

8 agosto 2018

P. Samir: Condizioni per un dialogo islamo-cristiano

Un simposio, atto accademico in onore di p. Samir Khalil Samir sj, intitolato “Patrimonio arabo cristiano e dialogo islamo-cristiano” (Pontificio Istituto Orientale, Roma 25 maggio 2018), è diventato l’occasione per festeggiare l’80° compleanno del religioso egiziano concentrandosi sugli argomenti più cari all’islamologo di fama mondiale.[i] Padre Samir ha così dato testimonianza dei passi iniziali del suo cammino: «Sono nato al Cairo, ma da una famiglia del Levante. Mia madre aveva studiato dalle suore francesi dove era vietato parlare arabo; altrimenti c’era la bacchetta, la mentalità era quella!

leggi la notizia
2 agosto 2018

Benedetto XVI sul rapporto cristiani-ebrei

Benedetto XVI in visita alla Sinagoga di Roma (17 gennaio 2010) In questi ultimi giorni si è sviluppata una discussione sul rapporto tra la religione cattolica e quella ebraica in seguito alla pubblicazione sulla rivista Communio (4, 2018) di una riflessione di Benedetto XVI intitolata Anmerkungen zum Traktat «De Judeis» (Annotazioni sul trattato «De Judeis»). Era uno studio inizialmente non destinato al pubblico. Se ciò è avvenuto, è stato per l’insistenza del card.

leggi la notizia
30 luglio 2018

Una legge pericolosa per il futuro di Israele

Il 30 luglio il Patriarcato Latino di Gerusalemme ha pubblicato sul suo sito web ufficiale una dichiarazione con la quale esprime  grande preoccupazione a proposito della nuova legge che dichiara “Israele Stato-Nazione del popolo ebraico”. Su Settimana News, a proposito di tale legge, abbiamo ospitato il commento di Daniel Barenboim, direttore d’orchestra israeliano. Lunedì, 30 luglio 2018 La recente promulgazione della Legge Fondamentale (Basic Law) che dichiara “Israele Stato-Nazione del popolo ebraico” è causa di grande preoccupazione.

leggi la notizia
25 luglio 2018

L’esorcismo del martire J. Hamel

Il 26 luglio saranno due anni dalla morte per sgozzamento del prete francese Jacques Hamel da parte di due fondamentalisti islamici, A. Kermiche e A.M. Petitijean, «soldati di Daesh». Il 13 aprile 2017 si è avviato il processo canonico per il riconoscimento del martirio. Con un particolare accento, riconosciuto da papa Francesco nell’omelia di suffragio il 14 settembre 2016: la crudeltà dell’uccisione è connessa alla domanda di apostasia.

leggi la notizia
25 giugno 2018

Macron: ridefinire la laicità

Tra il 2017 e il 2018 il presidente francese Macron ha incontrato ufficialmente tutte le maggiori comunità religiose della Repubblica (musulmani, protestanti, ebrei e cattolici), accogliendo l’invito rivolto da ciascuna a prendere parte ad un incontro da loro organizzato. Nella maggior parte dei casi erano presenti anche i rappresentati delle altre religioni. A queste occasioni bisogna aggiungere l’incontro di inizio anno all’Eliseo con i rappresentanti delle tradizioni religiose presenti sul territorio francese.

leggi la notizia
12 giugno 2018

Reflections on China’s Icons

My classroom is located between two statues, one of Gandhi and one of Confucius.  To the north, about half a mile Gandhi’s stands in a corner of Union Square Park in southern Manhattan.  Posed life-size and half hidden among some trees, Gandhi wears a loincloth of homespun khadi, otherwise he is naked, or half-naked as Churchill famously mocked.

leggi la notizia
9 giugno 2018

Identità: il vicolo cieco della “politica”

Thies Münchow è docente incaricato presso il Dipartimento di teologia evangelica dell’Europa-Universität di Flensburg. Dopo il ciclo quinquennale di studi (musica e teologia evangelica) ha lavorato alla tesi di dottorato che ha difeso col massimo dei voti (Wir machen Sinn. (Post)moderne Bedingungen, Perspektiven und Grenzgängen theologischer Hermeneutik). Svolge attività di ricerca sugli incroci fra filosofia postmoderna, teologia e fenomeni culturali nell’Europa contemporanea. Co-direttore del gruppo di lettura evangelico-cattolico “Teologia e Cultura” recentemente fondato presso la Europa-Universität di Flensburg.

leggi la notizia
6 giugno 2018

Millions of Shadows of Christians in China

They may number even two or three hundred million, and are growing fast. They are the self-styled Christians in China, who don’t clearly know what they are. All read the Bible; some claim to be related to Christ, like Hong Xiuquan, the leader of the destructive Taiping Rebellion in the 19th century, which killed 20% of the Chinese population. Most add to the Bible and the Gospels their own tracts, drawing explanations from Buddhist or Taoist traditions.

leggi la notizia
3 giugno 2018

Essere cristiani in Europa occidentale

I cristiani europei sono per la maggioranza non praticanti, ma si distinguono da coloro che non si riconoscono in nessuna religione per quanto concerne l’atteggiamento verso i musulmani e gli immigrati, i punti di vista su Dio e le opinioni sul ruolo della religione nella società. Ma, cosa vuol dire essere cristiani oggi in Europa occidentale? È una domanda spesso ricorrente, che molti periodicamente si pongono ed è frequente oggetto di indagini e di analisi.

leggi la notizia
16 maggio 2018

Germania: Inizia il Ramadan

Comincia oggi, 16 maggio, il Ramadan, mese di digiuno dei musulmani. In Germania, dove la comunità islamica raggiunge quasi i 5 milioni, il card. Reinhard Marx, presidente della Conferenza episcopale tedesca, ha inviato loro un  cordiale messaggio di augurio e di partecipazione. La pace sia con voi ! Cari credenti musulmani, in nome della Conferenza episcopale tedesca e dei cristiani cattolici del nostro paese vi mando il mio cordiale augurio per il Ramadan di quest’anno e per la festa dell’“interruzione” del digiuno (che si celebrerà il 6 luglio).

leggi la notizia