Lo spirito di Assisi

Ecomafie, il Covid non ferma i predoni della nostra “casa comune”

30 Novembre 2021

Il crollo di reati predatori registrato nel lockdown non ha trovato riscontro per quanto riguarda i crimini ambientali. A segnalarlo è il rapporto “Ecomafia 2021” di Legambiente, che ha evidenziato un preoccupante aumento di illeciti a danno del nostro ecosistema nel 2020. Nell’anno della pandemia, infatti, nonostante la flessione dei controlli effettuati (-17%) i reati ambientali sono saliti a 34.867 (+0,6%), con una media di quattro ogni ora.